[sh size=”2″]Il Corpo Musicale nella tradizione Sovicese[/sh]

Anche se l’anno di fondazione del “Corpo Musicale G. Verdi” viene ufficialmente datato al 1° gennaio 1908 la storia della Banda inizia molto tempo prima.

Sovico

Infatti, già negli ultimi decenni dell’Ottocento, un gruppo di appassionati musicanti Sovicesi aveva dato vita a un “Circolo Mandolinistico” che era formato da suonatori di strumenti a corda e da alcuni flauti e clarini. Con il passare del tempo si aggiunsero i suonatori di ottoni che diedero vita al primo nucleo vero e proprio della Banda.

 

Banda2

 

I fratelli Vittore e Angelo Recalcati furono i fondatori di quello che oggi chiamiamo “Corpo Musicale G. Verdi”. Vittore fu anche il primo maestro della banda, in quegli anni in cui essa si manteneva quasi esclusivamente grazie all’entusiasmo e alla passione dei suonatori, i quali provvedevano di persona al finanziamento di tutte le attività.

Una delle prime manifestazioni pubbliche della banda fu nel 1909, alla stazione ferroviaria di Macherio, in occasione dell’arrivo del parroco don Arrigoni che sarà in seguito uno dei principali sostenitori del “Corpo Musicale”.

Merita anche di essere ricordata nel 1911 la manifestazione di accoglienza dei reduci dal fronte Libico.

 

Diploma

 

Durante la I Guerra Mondiale l’attività della banda fu sospesa. Nel 1919, per volere dei musicanti e con l’aiuto di don Arrigoni, l’attività del “Corpo Musicale” fu ripresa e venne chiamato a dirigerlo il maestro Sbarra di Monza. Egli, con la sua professionalità, valorizzò a tal punto l’opera dei nostri suonatori, che la banda non solo crebbe di numero, ma migliorò notevolmente la sua attività artistica.

Per impegni personali il maestro Sbarra fu costretto, nel 1923, ad abbandonare la direzione del “Corpo Musicale”; gli subentrò il maestro Bianchi che rimase a Sovico per circa un anno. Poco dopo infatti, la banda fu sciolta. Venne ricostituita solo nel 1928, grazie all’intervento del conte Alberto Rossi-Martini e del parroco don Arrigoni, che si preoccupò del recupero degli strumenti musicali che erano depositati presso il Municipio. Fu richiamato il maestro Sbarra che tornò ben volentieri nel nostro paese e fu affiancato, quale vice-maestro, da  Ferrario Luigi, valente suonatore di clarino.

 

Banda3

Banda4

 

In questo periodo la sede della banda fu definitivamente stabilita presso l’Associazione Combattenti. Fu questo un periodo d’oro per il “Corpo Musicale G. Verdi”; la sua fama cominciò ad espandersi oltre il nostro paese in tutta la Brianza, grazie anche alle novità del repertorio che affiancava alle solite marce pezzi d’opera e sinfonici. Il numero dei componenti raggiunse la cinquantina, anche per il sostegno morale e materiale del conte Alberto Rossi-Martini; ne è un esempio il dono delle nuove divise, da lui fatto nel 1936. In questa occasione si tenne un grande concerto all’Oratorio, dove suonarono insieme le bande di Sovico e di Monza che raggruppavano più di 100 elementi.

 

Banda7

 

Intanto, già nel 1943 il maestro Sbarra fu sostituito dal maestro Bonardi, di Milano, mentre la Presidenza, dopo il conte Alberto Rossi-Martini, fu retta dal Presidente dell’Associazione Combattenti; prima Canzi Mario, poi Pirola Telesforo, grande attivista del “Corpo Musicale” fino al 1954.

Gli anni del dopoguerra, carichi di tensioni sociali e crescenti innovazioni, non risparmiarono neppure la banda che subì, in quel periodo, un certo declino e l’abbandono da parte di molti elementi.

Nel 1954 assunse la Presidenza del “Corpo Musicale”, ridotto ad una ventina di elementi, il sig. Villa Filippo, già valente clarinettista, il quale riorganizzò sia l’attività, sia le finanze della banda, anche con l’aiuto dell’Associazione Combattenti.

 

Banda6

 

Nel 1955 il maestro Bonardi lasciò il suo incarico e fu sostituito dal maestro Andreoni, suo concittadino.

Nel 1958 anche il vice-maestro, sig. Ferrario, abbandonò l’attività e fu degnamente sostituito dal sig. Pirola Telesforo.

In quell’anno fu anche celebrato il 50° anniversario di fondazione, con una manifestazione durante la quale vennero premiati i componenti del “Corpo Musicale” con attestati di riconoscenza.

 

Banda1

 

Il Presidente Villa Filippo abbandonò il proprio incarico nel 1967 dopo aver adottato per la banda la nuova divisa.

La Presidenza rimase vacante fino al 1979, anno in cui venne assunta da  Gatti Fermo.

Dopo il maestro Andreoni venne, nel 1970, il maestro De Carlini, milanese di nascita, ma sovicese d’adozione e infine, nel 74, arrivò il maestro Martorella.

Nel 1995 la direzione fu assunta da un altro sovicese proveniente dal Corpo Musicale stesso, il Maestro Emilio Zerbato che in quel medesimo anno si diplomò in clarinetto presso il conservatorio “A. Boito” di Parma.

Gatti Fermo mantenne l’incarico di Presidente fino all’aprile del 1996, anno nel quale la presidenza fu assunta dal dott. Marco Gatti che successe al padre Fermo.

 

Banda0

 

Dal mese di settembre 2013 la direzione è affidata al Maestro Pietro Pilo, già attivamente presente nell’associazione da oltre un anno come coordinatore didattico della scuola di musica e direttore delle formazioni giovanili (Junior Band e Micro Band), nate nel settembre 2012.

Banda_storia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *